Psicologia del lavoro: Cos’è, Welfare, Selezione e Master

Psicologia del lavoro , con più precisione definita come psicologia del lavoro e delle organizzazioni . Di cosa si tratta? Di una branca della psicologia che analizza i bisogni della persona in riferimento al mondo del lavoro , prendendo quindi in considerazione le necessità del lavoratore e quelle dell’azienda. Un vero e proprio studio, dunque, basato sull’osservazione dei comportamenti tenuti all’interno di un gruppo o contesto lavorativo e dello stile di leadership .

Dallo svolgimento delle attività del lavoratore fino alle richieste da parte dell’azienda, l’obiettivo principale della psicologia del lavoro è quello di creare una situazione di benessere  e di ridurre lo stress . Per fare questo e per raggiungere questa condizione di equilibrio, può essere necessario lavorare sulla situazione dell’azienda, ma anche occuparsi della formazione del lavoratore.

psicologia del lavoro

Nello specifico, questo secondo punto offre la possibilità di aumentare le competenze e migliorare la resilienza e le strategie di coping del dipendente. Lavorare in un ambiente che richiede troppe abilità rispetto a quelle già acquisite provoca un profondo disagio. Inoltre, per riuscire a migliorare il benessere lavorativo, lo psicologo del lavoro si occupa anche di applicare i modelli e le teorie della psicologia all’ambiente di lavoro. Questo permette e garantisce delle buone condizioni psicologiche.

Come vedremo meglio all’interno dell’articolo, le funzioni che possono essere ricoperte dallo psicologo del mondo del lavoro sono diverse. Partiamo col definire cos’è la psicologia del lavoro, cosa si intende per Welfare, come funziona il processo di selezione e quali sono i master per diventare psicologo del lavoro.

Psicologia del Lavoro, Cos’è?

Psicologia del lavoro , una branca della psicologia che attira sempre più attenzione, ma che in molti non conoscono troppo nello specifico. Partendo dal presupposto che per conoscere almeno in parte un argomento è importante conoscere la sua storia, introduciamo l’argomento proprio da qui.

La psicologia del lavoro ha avuto origine diversi decenni fa, quando si è iniziato a parlare di  psicologia industriale e, prima ancora, di psicotecnica . In questo periodo di massimo sviluppo industriale, infatti, nacque il bisogno di selezionare i lavoratori e, di conseguenza, la necessità di inventare strumenti di selezione. Ed ecco che sono comparsi i test psicoattitudinali!

Naturalmente, allo sviluppo industriale si sono affiancate tutta una serie di problematiche e conseguenze negative che la storia ben ci ricorda. Le prime teorie psicologiche in questo campo ebbero principalmente lo scopo di tentare di risolvere i problemi concreti legati all’industria , in particolare all’organizzazione del lavoro e alla selezione del personale. Hugo Münsterberg fu uno dei pionieri da questo punto di vista. Fece numerosi studi sulla monotonia, l’affaticamento, sull’adattamento all’ambiente di lavoro e sul processo decisionale .

Inoltre, si occupò delle prime analisi sulla motivazione, delle tecniche di vendita e di public speaking. La grande modifica che apportò rispetto al passato fu che, anche in termini di produzione e consumo, il benessere psicologico non fu più semplicemente un aspetto secondario.

psicologia del lavoro

Aumentò pian piano anche l ‘ attenzione rivolta al burn out , un fenomeno in aumento che inizialmente era riconosciuto. Si tratta di una vera e propria sindrome da stress lavorativo , diverso dal PTSD , ma comunque caratterizzato da apatia, depersonalizzazione (vedi anche: delirio ), irrequietezza e forte disagio. In alcuni casi, può accompagnarsi anche ad attacchi di panico e, se non correttamente trattato, allo sviluppo di depressione .

Effetto Hawthorne

In comune con la psicologia sociale , anche l’attenzione rivolta alle condizioni dei lavoratori è cresciuta con il passare del tempo. L’ effetto Hawthorne fu formulato proprio dall’indagine sul rapporto tra ambiente di lavoro e produttività, ormai ad oggi ampiamente confermato.

Torniamo al 1927, gli studi hanno avuto inizio nella fabbrica Hawthorne della Western Electric di Chicago. Lo scopo principale della ricerca era andare a misurare l’ effetto della luminosità sulla produttività degli operai. L’esperimento fu organizzato suddividendo i gruppi di operai in due: il primo fu sottoposto a variazioni di intensità luminosa, mentre il secondo lavorava sotto una luce costante. Come ipotizzato, generare della luminosità provocava un effetto positivo sulla produttività.

effetto hawthorne

Hawthorne e Psicologia del Lavoro

Ciò che lasciò sorpresi gli sperimentatori fu che, nonostante la luminosità della luminosità, uno dei gruppi registrava un aumento della produttività. Questo significava che erano anche altri i fattori in grado di influenzare l’ambiente lavorativo. Quali? Si arrivò alla conclusione che migliorava la produttività era legato al tipo di supervisione , svolto sia da capi e ricercatori. Più il lavoratore sapeva di essere osservato, più si impegnava a soddisfare le attese dei ricercatori, dimostrando le proprie competenze e aumentando la produttività.

Inoltre, l’ effetto Hawthorne , a sostegno dei principi della psicologia del lavoro, confermò che la produttività era anche connessa anche al miglioramento delle relazioni interpersonali e dell’empatia all’interno della fabbrica. L’aumento dei rapporti onesti e sinceri tra lavoratori, permette infatti di esprimere il meglio di sé, senza creare inutili competizioni e stress eccessivo. Il clima positivo migliora la prestazione.

Curiosità

Abbiamo bisogno di sentirci considerati, dobbiamo essere pronti a considerare gli altri. Inoltre desideriamo sentirci accettati per quello che siamo e avere la sensazione di lavorare in un gruppo, in un’equipe o in un’organizzazione di cui siamo fieri e che ci stimoli ad offrire tutto il nostro impegno.

Annie McKee [/ md_boxinfo]

Welfare e Aziende

Welfare , un termine che si riferisce al sistema sociale che vuole garantire a tutti i cittadini la fruizione dei servizi sociali ritenuti indispensabili. Il welfare aziendale si riferisce, naturalmente, alla branca lavorativa, nello specifico complesso delle erogazioni e prestazioni che un’azienda riconosce ai propri dipendenti. L’obiettivo è quello di migliorare la vita privata e lavorativa dei dipendenti, per migliorarne anche l’autoefficacia  e la produttività . In altre parole, si tratta dell’insieme delle iniziative volte ad incrementare il benessere del lavoratore e della sua famiglia.

psicologia del lavoro

Non a caso, le iniziative che rientrano a far parte del welfare aziendale possono avere natura diversa. Una delle aree è quella del welfare per le famiglie e per le persone , dedicata ai dipendenti e alla loro situazione familiare. Gli interventi possono essere diversi, dai nidi aziendali per accogliere i figli dei dipendenti fino alle sedute di counseling e di team coaching. D’altra parte, è centrale anche l’aspetto del welfare sanitario in azienda. Oltre alla prevenzione di discriminazione , centrale per costruire un ambiente sano di lavoro, ci si deve occupare anche di riqualificazione professionale.

Il lavoratore viene preparato con corsi, anche legati al metodo di studio , alla memoria e al processo di apprendimento , per raggiungere un profilo di competenze superiore. Questo aumenta anche la sua autostima . Infine, alcune aziende cercano di dedicare risorse anche al welfare sociale . In questo frangente, l’obiettivo principale è focalizzarsi sul comitato di sostegno e di sviluppo finanziario.

Selezione in psicologia del lavoro

Quali sono gli step di selezione in psicologia del lavoro? Il lavoro del consulente di selezione, specializzato in risorse umane, è composto da step differenti:

  • Definizione del profilo , intesa come descrizione delle caratteristiche tecniche, dall’età fino al percorso di studi, e delle competenze del lavoratore ricercato dall’azienda. L’obiettivo è proprio quello di definire il profilo lavorativo , in cui l’ascolto è riservato all’azienda.
  • Ricerca del lavoratore , intesa come ricerca, attraverso i canali di reclutamento, per riuscire a incontrare il profilo del dipendente capace di corrispondere alle richieste dell’azienda. Dai social agli annunci, anche il mondo del lavoro sta cambiando. Un canale privilegiato per la ricerca dei lavoratori è, attualmente, Linkedin .
  • Selezione del candidato , cercando di identificare il profilo più idoneo alle richieste del cliente. A differenza della parte di ricerca, svolta a distanza, la selezione avviene attraverso una intervista o un colloquio.
  • Scelta del candidato , a partire naturalmente dalla decisione dell’azienda a cui spetta la fase finale della selezione del candidato.

Curiosità

La carenza di sonno incide sulla produttività, sulla performance, sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori, oltre che sui costi del sistema sanitario in azienda. [/ md_boxinfo]

psicologia del lavoro

Psicologia del lavoro: Test

Data la formazione dello psicologo, il mondo delle risorse umane offre la possibilità di utilizzare, nel processo di selezione, anche dei test . Partiamo dal presupposto che l’obiettivo è sempre quello di trovare il profilo del lavoratore che risponde maggiormente a quelli che sono le richieste dell’azienda. Come però abbiamo già sottolineato nei paragrafi precedenti, è importante all’interno del gruppo di dipendenti si crei una rete di relazioni interpersonali adeguate. L’obiettivo di tutto questo è migliorare le prestazioni . Quindi utilizzare di materiale testale, relativo alla valutazione della personalità , dell’intelligenza , del livello di aggressività , delle fobie , dellamotivazione e di tutto ciò che riguarda il settore lavorativo in questione, è molto importante.

Dai Big Five per i tratti di personalità fino ai test di intelligenza emotiva, sta allo psicologo avvalersi degli strumenti più adatti alla selezione. I test psicologici costituiscono uno strumento molto efficace perché consentono al professionista di ottenere informazioni valide e numerose sul dipendente. Tuttavia, alcune risposte in fase di intervista potrebbe non corrispondere perfettamente alla realtà, ma essere leggermente falsate dal desiderio di fare una buona impressione. Questo fenomeno prende il nome di desiderabilità sociale .

Psicologia del Lavoro: Master

Master in Psicologia del Lavoro , di che cosa si tratta? Il master corrisponde a un titolo accademico, che viene rilasciato da un’università dopo uno specifico corso di studi. Se siete interessati ad ottenere un titolo di questo tipo, informatevi sulle strutture che organizzano master nella vostra zona di residenza. Uno dei corsi più seguiti a Milano è il master in Psicologia Clinica del Lavoro , rivolto a medici, medici del lavoro, psicologi, psicoterapeuti, specializzandi. L’obiettivo è focalizzarsi, con giornate di formazione organizzate da professionisti differenti, sul fenomeno dello stress lavoro correlato, sul mobbing e sul burn out.

psicologia del lavoro

Inoltre, dando spazio anche all’aspetto clinico, il master si dedica anche alla medicina del lavoro e alla valutazione dell’idoneità psichica del lavoratore, così come al diritto del lavoro e alla psicologia delle emergenze. Alla fine del corso, il professionista deve valutare il contesto lavorativo come eventuale fonte di disagio, definendo inoltre azioni di prevenzione per rendere gli ambienti lavorativi più produttivi.

Sempre a Milano, un altro master piuttosto seguito è quello in Psicologia del Lavoro e Sviluppo delle Risorse Umane . L’obiettivo, in questo caso, è legato al comprendere le dinamiche aziendali e la struttura organizzativa, cercando un punto di incontro tra la richiesta del cliente e quella del committente. Inoltre, il professionista deve saper progettare un intervento formativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *