Malattie Sessualmente Trasmissibili: Elenco, Sintomi e Test

Malattie sessualmente trasmissibili (MST), conosciute anche come “malattie veneree”. Si tratta di infezioni che vengono trasmesse attraverso contatto sessuale diretto, anche orale e anale. Possono avere origine batterica, virale o parassitaria e passare da un corpo all’altro tramite lo scambio di liquidi biologici infetti. Ciò significa che, oltre al rapporto sessuale, il contagio può avvenire per contatto con sangue infetto (per trasfusioni, trapianti, aghi o strumenti non adeguatamente sterilizzati). Inoltre, è possibile la trasmissione verticale da madre a figlio durante la gravidanza (vedi anche: Sesso in gravidanza) o nel momento del parto. Bisogna stare attenti alle malattie sessualmente trasmissibili anche durante pratiche BDSM che hanno a che fare con l’uso di aghi o, in generale, di body play.

MST e mestruazioni

Un’altra modalità di contagio possibile è il rapporto sessuale non protetto durante il ciclo mestruale. C’è chi ha un interesse parafilico per questo tipo di pratica. Si parla di menofilia per descrivere l’attrazione verso il sangue mestruale e gli oggetti ad esso connesso, come assorbenti o lenzuola macchiate.

In vista di una buona salute sessuale, è importante conoscere i possibili rischi che si corrono praticando rapporti sessuali non protetti. Le gravidanze non desiderate (vedi anche: aborto volontario) possono non essere, infatti, l’unico risvolto inaspettato.

malattie sessualmente trasmesse

Malattie Sessualmente Trasmissibili, Elenco

Le malattie sessualmente trasmissibili sono numerose e diverse tra loro nelle caratteristiche sintomatologiche. Ecco le principali, suddivise in base all’origine:

  • Batterica: clamidia, sifilide e gonorrea.
  • Virale: papillomavirus umano, herpes genitale, Hiv, epatite (A, B e C).
  • Parassitaria: tricomoniasi.

Fattori di Rischio

Alcuni fattori aumentano il rischio che si possa sviluppare una malattia sessualmente trasmissibile. Ad esempio:

Le MTS non si trasmettono solo attraverso un rapporto sessuale penetrativo. Le pratiche di sesso orale (cunnilingus, anilingus e fellatio) sono alla volte sottovalutate in questo senso: la presenza di possibili lesioni le rende comportamenti a basso rischio.

HIV

Tra le diverse malattie sessualmente trasmissibili, quella che spaventa di più nel pensiero comune è l’HIV (virus umano di immunodeficienza).

L‘Hiv è virus che colpisce i linfociti CD4, responsabili della difesa immunitaria. Questo rende l’organismo maggiormente vulnerabile ad altri virus, batteri, protozoi  ecc., aumentando il rischio di contrarre malattie. Possono comparire sintomi aspecifici a circa 3-4 settimane dal contagio, come febbre, dolori articolari, ingrossamento dei linfonodi e astenia. Poiché non ha una manifestazione tipica e riconoscibile, può non essere diagnosticato per diverso tempo.

Quando l’infezione da Hiv perdura nel tempo e si aggrava, si sviluppa l’AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita). In questa condizione i linfociti CD4 sono talmente compromessi da non essere più in grado di proteggere l’organismo da malattie in altre situazioni “banali”. Se non si segue una terapia,  la morte sopraggiunge per l’insorgenza di altre malattie. Questo tuttavia è solo un possibile scenario.

Ad oggi la ricerca ha permesso alle persone affette da Hiv di mantenere a lungo una buona condizione di vita. È possibile anche avere rapporti sessuali senza la preoccupazione di trasmettere il virus se si segue correttamente la terapia di soppressione virologica prescritta.

fiocco rosso AIDS

Blue Party

Una pratica altamente rischiosa (ricercata proprio per questo) è quella del blue party. Si tratta di orge tra tre persone mascherate in cui una è sicuramente sieropositiva. È vietato proteggersi in qualsiasi modo dal rischio di infettarsi: sono banditi sia i preservatici che i farmaci pre-esposizione.

Malattie Sessualmente Trasmissibili, Sintomi

I sintomi che indicano la presenza di malattie sessualmente trasmissibili sono vari e dipendono dal tipo di infezione in atto. Indicativamente dovrebbe scattarvi un campanello d’allarme se notate uno o più tra questi sintomi:

  • Perdite con cattivo odore e colore giallo-verde
  • Prurito genitale
  • Dolore genitale che peggiora durante i rapporti sessuali e/o la minzione
  • Sanguinamenti (correlati a lesioni o ulcere)
  • Ingrossamento dei linfonodi nella zona inguinale.

Va considerato che spesso le MTS hanno un periodo di incubazione di qualche settimana, durante il quale possono passare inosservate. In molti casi, inoltre, sono asintomatiche. Nel dubbio è consigliato sottoporsi a controlli medici periodici, mirati nel momento in cui si sospetta l’esordio di una di queste infezioni.

Centri MTS in Lombardia

Ecco qui i principali centri di riferimento presenti sul territorio lombardo: rete dei servizi per la prevenzione, diagnosi e cura delle Infezioni sessualmente trasmesse

Si Guarisce?

È sempre bene intervenire il prima possibile nel trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili. Con un trattamento adeguato, si guarisce nella maggior parte dei casi. Aspettare che i sintomi si aggravino non è una buona idea, poiché in alcune circostanze si rischia la sterilità (vedi anche: infertilità) e lo sviluppo di tumori.

malattie sessualmente trasmesse HIV

Test Malattie Sessualmente Trasmissibili

Se si sospetta di aver contratto una malattia sessualmente trasmessa o si è stati esposti a situazioni a rischio, è importante sottoporti ad accertamenti. I test per la diagnosi di un’infezione sessualmente trasmessa possono essere:

  • Esame obiettivo specialistico
  • Esami del sangue
  • Analisi dell’urina
  • Tamponi vaginali/uretrali

Come Prevenire l’Infezione?

Tenendo conto della propria salute sessuale, il primo passo è dunque quello di proteggersi dalle MTS. Come?

  • Utilizzando contraccettivi barriera (preservativo maschile/femminile e dental dam);
  • Vaccinandosi ove possibile (per Papillomavirus ed epatite)
  • Evitando di scambiare con altri oggetti che penetrano la cute e le mucose (come rasoi, aghi, spazzolini…).malattie sessualmente trasmesse preservativo

Aspetti Psicologici delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Le malattie sessualmente trasmissibili hanno di solito un forte impatto psicologico sulle persone che ne sono affette. Ricevere la diagnosi, così come il doverla comunicare a qualcun altro, può essere fonte di grande stress (vedi anche: Stress lavoro correlato). Si fatica a parlarne e a chiedere aiuto perché si teme la reazione della società, che è stigmatizzante e giudicante. Le MST fanno paura anche perché nel pensiero comune sono associate alla morte, anche se questo spesso non è vero.

Quindi non c’è da stupirsi che in molti casi si neghi la presenza della malattia e si rifiutino le terapie. Ci si sente “sporchi” e si tende a nascondersi invece di affrontare il problema. Il counselling sessuologico è uno spazio dove sentirsi accolti e non giudicati, dove è possibile fare domande ed esternare quello che si prova. È possibile rivolgersi ad un professionista di questo settore per essere aiutati nell’elaborazione di quanto accaduto e nella costruzione di strategie volte alla gestione della situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.